Risorse e Campagne
Via i soldati italiani dall'Iraq
Via i soldati italiani dall'Iraq. Firma la petizione on line promossa dal Tavolo per l'Iraq
Newsletter
Puoi ricevere tutti gli aggiornamenti del sito e delle iniziative del Forum scrivendoti alla newsletter.
Iscrivi Cancella
Filmati
On line i video del Forum Sociale Europeo di Paris St. Denis in real video.
Foto
Le foto della Perugia Assisi 2003 nell'archivio fotografico della sezione multimedia del sito del Forum
Pacifisti esibizionisti
Pacifisti esibizionisti
Un mese di menzogne
On line il rapporto finale di Mediawatch, l'Osservatorio sull'informa-zione di Guerra.
Vai alla sintesi del rapporto sul sito di Mediawatch.

Per informazioni: mediawatch@peacelink.org .
Fuori la guerra
dalla spesa
Il Centro Nuovo Modello di Sviluppo, tra i fondatori della Rete Lilliput e diretto da Francuccio Gesualdi, autore della Guida al Consumo Critico edita dalla EMI, rende nota una lista di prodotti, statunitensi e non, da boicottare per fermare la guerra all'Iraq.
Ecco la lista.
Banche armate
La rete Lilliput, così come in altre province, presenta e sostiene a Ferrara la “Campagna Banche Armate”. Ecco come.
Buon 2003

Per chi volesse proprio rivedere la presentazione del nuovo sito in flash ecco il link giusto.

Bella Ciao on line
Il film di Giusti, Torelli, Freccero, censurato dalla RAI è on line. Contro la censura e per la libera circolazione dei saperi, il video è su internet, scaricabile gratis:
sui server ftp di ngv e inventati (versione bassa qualità: real 30 MB; versione alta qualità: mpeg 600 Mb). Gli aggiornamenti su nuovi formati, mirror, proiezioni li potete trovare su Indymedia Italia. Il volantino del Forum di Ferrara (formato pdf).
Radiogap on line
Ascolta on line Radiogap (per ascoltare le radio potete utilizzare la versione free di real player)
Da Radio Onda Rossa
Da Radio K Centrale
Da Radio Onda d'urto
Da Amisnet
Ultimo aggiornamento 02.09.2009 18:50

Domenica 11 settembre 2005
Marcia Perugia Assisi
per la giustizia e la pace
Mettiamo al bando la miseria e la guerra. Riprendiamoci l’Onu.
Io voglio. Tu vuoi. Noi possiamo.

Da Ferrara sono già due i pullmann organizzati. Potete prenotare ai seguenti numeri: Ufficio Politiche per la Pace del Comune di Ferrara 0532-204358, 0532-200865, dalle 9 alle 13, dal lunedì al venerdì per il Pullmann organizzato dalla Provincia in collaborazione con il Comune di Ferrara, e allo 0532.783282 (Poletti) per quello organizzato dalla CGIL. La partenza è prevista alle ore 4.00 dell'11 settembre, dal parcheggio EX MOF di Ferrara, con ritorno in serata.

Il sito della Marcia.

Altre novità

La Memoria in Piazza Alimonda.

[riceviamo e pubblichiamo]

Carissimi,

una decina di giorni fa, con la scusa di riverniciare la cancellata, il parroco della chiesa del Rimedio ha fatto togliere tutto ciò che rappresentava quella sorta di altare laico in piazza Alimonda. Occorre aggiungere, per rispetto della verità, che piantine, fiori, nastri, biglietti e soprattutto la fotografia di Carlo sono stati riposti con cura all’interno della cancellata stessa. Ciò non toglie, tuttavia, che sia stato eliminato un luogo di memoria che invece, con esclusione dei fascisti di Alleanza nazionale e della destra, molti cittadini di Genova, e non solo, rispettano e vogliono conservare. Alcuni di questi cittadini, con la condivisione del nostro Comitato, hanno pensato di raccogliere firme per una petizione (che trovate qui in formato pdf, ndr) da inviare al sindaco, chiedendo che sia collocato nell’aiuola centrale di piazza Alimonda un cippo recante nome cognome e data. In questo senso si stanno adoperando anche alcuni consiglieri comunali. E’ opportuno sottolineare nome cognome e data, perché qualcuno arriccia il naso e sostiene che non si possa ricordare chi, brandendo un estintore, voleva uccidere non so quanti carabinieri. Qualcuno ci ha chiesto se è possibile raccogliere le firme anche in città diverse da Genova. Sicuramente sì, dal momento che la memoria dei fatti di Genova e dell’uccisione di Carlo, che li riassume e li rappresenta in tutta la loro ferocia, riguarda l’intero paese. Potrei anche ricordare che a Belem, in Brasile, in una targa hanno accostato Carlo a Simon Bolivar (cosa che, al di là dell’emozione, mi è parsa eccessiva!), e che in molte città del mondo si continua a voler ricordare. Vi chiedo quindi, se lo condividete, di aiutarci con qualche sollecitudine alla raccolta di firme, che potrete poi inviarci con posta all’indirizzo del Comitato, che qui riproduco: Comitato Piazza Carlo Giuliani, via San Pantaleo 1/A, 16137 Genova.

Grazie a tutti, Giuliano Giuliani

Scarica la petizione
(formato pdf)

ConFiniZero. Continua la campagna contro la legge Fini sulle sostanze.

Il Cartello ConfiniZero si è riunito a Roma domenica 9 gennaio 2005. L'assemblea ha valutato con preoccupazione il dibattito in corso al senato, all'interno delle commissioni giustizia e sanità. Tale dibattito, che prevede l'inizio di specifiche audizioni di operatori del settore delle tossicodipendenze,
testimonia fin d'ora la pervicace volontà della maggioranza di governo di giungere ad un'approvazione in aula del ddl Fini sulle droghe, pur
essendo in discussione anche altre e più corrette proposte di legge su questo tema. L'assemblea ha riproposto la sua valutazione del ddl governativo come criminogeno, ultrarepressivo e neoproibizionista. I partecipanti al cartello hanno inoltre riaffermato la necessità di
superare anche l'attuale legislazione procedendo decisamente nel senso di una depenalizzazione netta delle condotte legate al consumo e di un rafforzamento del sistema dei servizi impegnati nella prevenzione, nella cura e nella riduzione del danno. Con l'obbiettivo di sconfiggere la proposta Fini e di introdurre elementi di decisa innovazione nella politica sulle droghe nel nostro paese,l'assemblea ha valutato positivamente la proposta del cartello
"Non incarcerate il nostro crescere", che prevede una sessione specifica dedicata al consumo e ai consumatori nell'ambito
dell'iniziativa delle regioni sul tema delle dipendenze che si terrà il 7 e 8 Febbraio a Bologna. All'interno di quella sessione e nei lavori di quelle assise in generale, il cartello ConfiniZero organizzerà una propria presenza impegnata, qualificata e caratterizzata dallo sforzo di portare un contributo critico e costruttivo, sulla base dei propri temi, ai lavori del convegno. L'assemblea ha infine ribadito la necessità di prevedere contro questo gravissimo tentativo di involuzione legislativa una manifestazione politica centrale che veda la più ampia partecipazione di consumatori, operatori del settore, forze politiche e sindacali interessate ad una svolta nella politica sulle droghe nel nostro paese. La prossima assemblea nazionale del cartello si terrà in occasione della conferenza delle regioni a Bologna.

Assemblea ConFiniZero

Rapporto sui diritti globali 2005

Le guerre e il terrorismo globali, il lavoro e le sue trasformazioni, il quadro economico e il caso Parmalat, gli anziani, le pensioni e gli infortuni sul lavoro, le politiche sociali e la crisi del welfare, le nuove povertà e il diritto alla salute, lo sfruttamento dei bambini, le problematiche giovanili e la riforma scolastica, il carcere e la giustizia, le droghe e le politiche neoautoritarie, il volontariato e l’economia solidale, i nuovi movimenti e la globalizzazione, i diritti umani, la tortura e le discriminazioni nel mondo, l’Europa politica e quella sociale, lo stato del pianeta e l’ambiente in Italia: sono alcuni dei tanti temi trattati nella nuova edizione 2004 del Rapporto sui diritti globali. Il Rapporto, realizzato dalla Associazione SocietàINformazione, è promosso dalla CGIL nazionale in collaborazione con il Coordinamento nazionale delle Comunità di accoglienza (CNCA), ARCI, Legambiente e Antigone, vale a dire con le associazioni italiane tra le più autorevoli, rappresentative e territorialmente diffuse che sono impegnate sulle problematiche trattate dal Rapporto.
Fotografa lo stato dei diritti e analizza le politiche per una loro maggiore affermazione a livello locale e globale, italiano e mondiale. È diviso in quattro sezioni: Diritti economico-sindacali, Diritti sociali, Diritti umani, civili e politici, Diritti globali ed ecologico-ambientali, articolate in 18 capitoli.
In ognuno dei capitoli viene analizzato e definito il punto della situazione e vengono delineate le prospettive del 2004. L’analisi e la ricerca sono corredate da ampie cronologie dei fatti, da approfondite schede tematiche, dai dati statistici più aggiornati, da un accurato glossario, dai riferimenti bibliografici e web e dall’indice dei nomi citati. Il Rapporto, unico nel suo genere, è uno strumento fondamentale per arricchire la formazione e supportare l’attività quotidiana di quanti operano nella scuola, nell’informazione, nella politica, nel mondo del lavoro, delle professioni sociali, del volontariato e del non profit. Prefazione di Guglielmo Epifani, introduzione di Sergio Segio, interventi di Aldo Amoretti, Stefano Anastasia, Lucio Babolin, Tom Benetollo, Giuseppe Casadio, Luigi Ciotti, Roberto Della Seta, Titti Di Salvo, Mauro Palma, Antonio Panzeri, Achille Passoni, Morena Piccinini.

Nelle migliori librerie. 1.048 pagine, 22 euro. Edizioni EdiessePer informazioni: Casa editrice Ediesse, tel. 06.44870283/325, ediesse@cgil.it, www.ediesseonline.it


copyleft 2003 - Forum permanente per la Pace di Ferrara
Sito ideato, curato e ospitato da